NEWS/BLOG

    Lunedì, 05 Ottobre 2015 12:38

    Ritorno al passato per ricostruire il presente. In evidenza

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

     

    I social networks a volte sono fonte di ispirazione, molte altre volte fonte di polemiche e discussioni dove un bel combattimento stile "vecchia maniera" è sostituito da chiacchere vuote, a tratti isteriche, di individui che soppesano il loro lavoro con quello di altri preferendo ad un sano confronto l’attacco volto a screditare oppure fare passare un loro concetto facendo a gara a chi ha il dito più resistente sulla tastiera del proprio smartphone invece di comportarsi da uomini....

    Dopo un mio post di qualche giorno fa (che riprendo di seguito), c'è stato un bel momento di riflessione ed anche di domande e risposte....ovvio sempre all'interno del social ma, va bene così, se può servire a fare chiarezza, colmare un "vuoto" istituzionale ed anche tecnico oltre che di sana informazione.

    Tutto è partito da una lunga telefonata che mi sono concesso con chi veramente rappresenta la Prima generazione di Thai Boxers in Italia (prima generazione fino al 1985...io rappresento la seconda dal 1985...), Italia terza nazione occidentale per la pratica e la diffusione!

    Prima parte della chiamata dedicata alle polemiche, seconda parte dedicata al lavoro e terza ai ricordi che mai come in questo caso riaffiorano come macigni, come le domande....Chi eravamo, quello che è stato fatto nel tempo, le origini, il lavoro svolto su tutto il territorio Nazionale ed all'estero.....il periodo attuale, la FIMT!

    La storia come materia mi è sempre piaciuta, il ricordo!

    Nel nostro ambiente purtroppo non tutti la pensano come me perchè è più facile "dimenticare"...fare finta di niente...perchè in tanti, troppi, pensano che la gente si adatti ad un nuovo oppure rivisitato passato scritto con inchiostro simpatico da ambigui signori...insomma ci provano!

    Ci provano facendo una storpiatura di quello che è stato, cercando di “imbucarsi” per essere protagonisti (senza storia) del passato e di conseguenza nel presente....ma a che prezzo? Mentendo!

    Ma siamo certi che possano farcela? perchè le menzogne alla lunga vengono riportate a galle dal tempo, dalle date, dai fatti reali accaduti e susseguiti, e tornano al mittente come boomerang perchè noi, me compreso, siamo e saremo sempre testimoni del passato e della verità...

    E così tra una chiacchera e l’altra, alcuni protagonisti  sono tornati alla memoria.

    Eventi che nel passato ci hanno reso quello che siamo, una storia fatta di gloria e sperimentazioni, di uomini che hanno provato e riprovato creando le basi solide che ora tutti vi ritrovate, senza sapere il sacrificio ed il duro lavoro che ha reso tutto ciò possibile.

    Ad esempio il primo match di Muay Thai in Piemonte: palazzetto dello sport di Torino, lontano 1988.

    Con un giovanissimo e fortissimo Gilberto Bottani, compagno di squadra, istruttore ed arbitro come me (già, a quei tempi si partiva per un match, si scendeva dal ring e si indossavano i panni di arbitro) e dove nonostante la sconfitta, tutto il pubblico si riversò al nostro lato impressionato da questo, per loro, “sconosciuto” (era un torneo di Sandà ed il suo sfidante era un certo Omar detentore del titolo europeo e figlio del presidente di giuria...ovvia la vittoria del tal Omar...) acclamandoci ed applaudendoci mentre lo sfidante veniva portato via in barella!

    Che stile fate? “Facciamo Muay Thai” rispondevamo. E la gente, attonita rispondeva: "Mai vista una cosa del genere". Ed allora da li a pochi mesi in collaborazione con la SAP di Sgarro un primissimo galà di Muay Thai con stage a seguire….Chi c'era? Tutti!

    Io, il mitico Rinaldo Rinaldi, Petrò, Bottani, Lai che coraggiosamente fece un match contro il Team Thailandese rappresentato dal fu Pimu....Pimu di cui tutti ora si fanno discepoli...be noi siamo stati i primi a portalo qua in italia, un grande sforzo per quei tempi, accompagnato dal maestro Quider.

    Nonostante allenavo al Thai Gym Milano da dove è partito tutto il mio mondo, mi dividevo ancora fra le lotte SinoVietnamite e la nascita della Tiger Boxing Camp che iniziava a muovere i primi passi agonistici della Muay Thai.

    A questo stage parteciparono anche i fortissimi Valente Tiziano e Mauro Steffè, miei allievi e fondatori poi della FIMT...perchè TUTTI sapete vero chi ha fondato la FIMT ?!

    Ed ecco un altro dei “primi”: Steffè. All’epoca, pionieri entrambi di quest'arte nobile, reale, con Steffè portammo la Muay Thai in Friuli sua regione di origine e di li a poco organizzammo un mitico ed unico stage (era il lontano 1992) a Grado che affermò e confermò chi veramente era un Thai Boxers ai tempi....chi c'era e chi non c'era.

    Questo lo dice la storia e noi....Un grande Steffè, e fratello, che si è speso nella formazione ritirandosi in un secondo tempo perchè disgustato dall'ambiente poco nobile che stava andando a crearsi.....

    Ora, con il senno di poi come dargli torto!

    Un altro grande atleta Panattoni Marco con il quale abbiamo portato la Muay Thai a Brescia, sua città natale, dove ha fatto grandissime cose e dove anche qua purtroppo la sua eredità è rimasta senza successori degni di nota.

    Quello riportato qua è un 10% di quanto vissuto, piccoli ma importantissimi tasselli di un grande puzzle che dovrebbero far capire chi eravamo e cosa abbiamo fatto! 

    Storia scritta con dolore, sangue, sudore, onore, rispetto, regole, parola data....zero foto, zero social, zero proclami o slogan e tanti fatti!

    Fatti come la FIMT Federazione Italiana Muay Thai.....fondata da questi pionieri con coraggio e contro tutti!

    No, non sono i nomi che credete voi perchè le informazioni che vi hanno fornito sono false...FIMT fondata da Bramini, Petrò, Valente, Scordi nel lontano 1991 e da allora sempre attiva, sempre presente.

    Uno statuto depositato in tribunale (sempre in quel periodo), un marchio registrato….eppure esiste qualcuno che si è appropriato della storia e di ciò...fatevi domande, fateci domande, informatevi perchè se io sapessi un domani che il mio maestro, presidente, ha mentito per essere ciò che non è...se il mio maestro mente ed inganna anche i Grand Master Thai per poter dire “io c'ero, io sono” ma poi non è così perchè la realtà è molto più triste, mi metterei in discussione perchè ingannato, lo metterei in discussione in quanto persona che ha mentito e chi mente perpetuerà nel tempo il suo modo di fare per mantenere le fragili fondamenta della sua personale non-storia sportiva.

    Che insegnamento danno queste persone ai propri atleti, alle persone che credono in loro?

    Noi li lasciamo fare perchè la storia è scritta, il tempo parla e gli onesti giudicano....

    Certo potremmo fare di più ma siamo curiosi di vedere fino a dove certa gente può spingersi incurante del fatto che, poco alla volta, a spot, le vere informazioni di un passato glorioso scritto da pochi eletti, e dove siamo ancora alla ricerca di un degno successore, escono ed usciranno grazie alla nostra buona memoria.

     

    Letto 4354 volte Ultima modifica il Lunedì, 05 Ottobre 2015 14:49
    © 2020 Federazione Italiana Muay Thai. All Rights Reserved. - CREDITS -