NEWS/BLOG

    Sabato, 29 Agosto 2015 21:00

    PROTAGONISTI, NON SPETTATORI. SUMMER SESSION TRAINING IN THAILAND 2015!

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Anche quest'anno si è conclusa la sessione estiva di allenamento e lavoro presso l'Università Thailandese ed a conti fatti non possiamo che essere soddisfatti per gli obbiettivi raggiunti, le conferme, il buon lavoro ed una serie di step e grandi progetti in via di sviluppo ed alcuni già operativi in settembre.

    Gli argomenti da trattare ad inizio stagione, per noi ufficialmente mai interrotta, sarebbero molteplici e sarebbe anche facile, come i più, tramite i social criticare oppure umiliare il lavoro altrui, nonostante l'evidenza ed i fatti...Davvero troppo facile ma da ignoranti oltre che poco professionale, posso solo consigliare a chi cerca una “via", una collocazione e vuole a tutti costi essere protagonista alcuni piccoli consigli da Maestro: si te stesso, non mentire... Soprattutto ai Thailandesi... costruisciti una tua dimensione non alle spalle di altri e muoviti sulle tue gambe senza calpestare i passi di chi è uscito indenne, prima di te e aprendoti la strada, da questo campo minato...

    Chiusa questa paternale e piccola parentesi che dire, luglio ed agosto mesi di conferme e di nuovo slancio.

    Un gran lavoro di test per i team leader, un gran lavoro didattico tecnico e preparatorio con la squadra universitaria e grandi conferme per i nostri atleti vittoriosi al Lumpini , Rajadamnen e Omnoi Stadium.... Tutti dilettanti ed ora campioni!

    So che qualcuno sul “nostri” si farà qualche domanda ma è subito soddisfatta la sua curiosità. Per chi non lo sapesse siamo docenti presso l’università e siamo gli unici occidentali ad avere questo status.

    Un periodo intenso ed indimenticabile che fa sì che ogni anno si faccia sempre più malinconico il momento dell’arrivederci, quest’anno coinciso con l’arrivo di un nostro appassionato atleta giunto per fare buona Muay Thai!

    Insomma si potrebbero toccare molti argomenti fra cui anche i "mondiali IFMA"... Sapete cos'è questa sigla che NON fa Muay Thai? E non smetterò mai di ripeterlo...Per dovere di cronaca la nostra atleta Thai vince l’oro anche a questi Mondiali, che ai tailandesi proprio non piacciono.

    Invece voglio portare l'attenzione su un match recente tenutosi a Pattaya all’interno del circuito Max Muay Thai...

    Perché questa scelta?

    Perché mi sono trovato mio malgrado spettatore del troppo frequente “italian style” ed è veramente triste constatare che alla fine si riduce tutto al solito monologo all'italiana e vorrei che questa tendenza poco alla volta andasse a morire visto che siamo gli unici ad avere un comportamento così irrispettoso ed inoltre poco onorevole verso i nostri sfidanti.

    Se uno ha perso, ha perso punto. Così ragionano tutti ma noi si sa siamo un po’ più bravi a raccontarcela...Si non ho vinto però...Ed alla fine, magicamente, chi ha perso onori e gloria e chi ha vinto la solita "scimmietta" thai che era lì per caso.

    Purtroppo per voi sono nell'ambiente da troppo tempo ed anche se non conosco le nuove generazioni, qualche cosa posso sempre aggiungere... Sempre!

    L'atleta Thailandese è un mio studente al primo anno, un dilettante, da tre settimane ha un problema alla gamba che praticamente non gli permette neanche di allenarsi eppure... Ha colto l'occasione del match e mi ha chiesto cosa ne pensavo.

    Sapendo che lo sfidante era italiano gli ho detto di combattere ugualmente perché avrebbe sicuramente avuto modo di fare molto bene nonostante la forma non al top e vincere...Poi possiamo stare qua a guardare i cartellini piuttosto che leggere i commenti, non mi interessa più di tanto. Era accompagnato da un mio collaboratore italiano che mi ha raccontato del match...Thailandia 1 Italia 0.

    Ovviamente da “vecchio” della Muay Thai e da italiano mi auspico che in Italia si assista a una controtendenza e si torni a praticare l’Arte Marziale Muay Thai, fatta di duro lavoro, umiltà e regole. Personalmente è a questo che dedico il mio tempo ed il mio lavoro senza troppa pubblicità e autoreferenzialismo, senza la ricerca di particolare consenso…capisco che in questa era globale tutto ciò suona come “voce fuori dal coro”, che rischia di avere poco appeal, ma non è questo il motivo per cui ho dedicato la mia vita alla Muay Thai. Non voglio avere “seguaci” ma amici, atleti e collaboratori che condividono con me etica, spiritualità e morale.

    Come dico ogni inizio di stagione, ci attende un duro lavoro ma sono sempre più felice di farlo.

     

    Letto 3927 volte Ultima modifica il Sabato, 29 Agosto 2015 21:16
    © 2021 Federazione Italiana Muay Thai. All Rights Reserved. - CREDITS -