NEWS/BLOG

    Giovedì, 23 Aprile 2015 15:28

    L'ETERNA LOTTA PER ESSERE MAESTRO

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Siamo quasi a fine stagione e ci piace, come al solito, fare un resoconto della stagione che sta andando a concludersi con tutti i suoi alti bassi e strane sfaccettature che solo il panorama italiano (ahimè) può offrire nel suo stile folcloristico ed irrispettoso. Noi come al solito siamo onesti nel giudizio ed analisi e visto che non abbiamo interessi di parte, se non quelli dettati dalla nostra arte marziale, ancora di più.

    La novità più interessante è stato il rientro in una delle palestre storiche dell'area milanese, palestra che nel lontano 1988 ho contribuito a portare ad essere ciò che poi sarebbe diventata, a quei tempi in campo agonistico/tecnico, ora in termini di numeri....ma si sa, i "vecchi amori " durano poco e Maestri del calibro di Orsatti (fondatore e patron della Ursus...) non se ne vedranno mai più....un bel passato comunque ed un ritorno di fiamma che non rimpiangeremo visto che è stato lo stimolo per un ritorno sulla piazza di Milano dove veramente c'è bisogno di informazione, formazione, Muay Thai.

    Un cambio di ente sportivo: con uno vecchio sul quale non vogliamo perderci in parole, ed uno nuovo molto interessante ed eticamente più vicino al nostro "credo"....perchè ci vuole serietà e fede!

    Poi in sintesi i soliti sterili e noiosi attacchi, ovviamente sempre tramite i social network, mezzo ideale scelto da chi non è in grado di confrontarsi, accettare delle realtà oppure semplicemente si vede messo in secondo piano da situazioni che non riesce a gestire e solo per colpa sua. “Dialoghi” a senso unico e poco velatamente autocelebrativi sempre corredati da un seguito da "branco" con tutto quello che ne segue…che devo dire? Beato chi ha tempo per queste cose, noi no!

    Purtroppo queste cose si vedono da 10/12 anni a questa parte e solo in Italia, e parte della colpa ce la prendiamo anche noi; del resto un tempo esisteva solo l'AITB fondata da Rinaldo e Di Blasi di cui facevamo parte attiva come fighter, giudici, trainer.....insomma non eravamo in molti, quindi si faceva un po’ tutto. Poi con la nostra uscita abbiamo fondato la FIMT (…l’originale FIMT!), input che ha dato slancio alle innumerevoli sigle, soprattutto straniere che operano su suolo nazionale. Addirittura due FIMT! anzi tre..... Noi più che fare bene il nostro lavoro, da ben quasi 30anni, non abbiamo fatto, dando lustro all'Italia in campo marziale e non solo, perché siamo stati i primi con pochi altri, e mi spiace vedere che nessuno conosce la cara e vecchia storia della Muay Thai in Italia, quello che ci ha portato ad essere, tutti noi, le lotte, il duro lavoro ed il futuro! Gli anziani del settore come il sottoscritto osservano, a volte anche divertiti, la drammaticità/comicità della situazione odierna che non si vorrebbe andasse così ma purtroppo deve andare cosi, perchè finchè le persone non apriranno gli occhi iniziando in primis a rispettare chi, molto prima di loro ha sperimentato, divulgato, organizzato match ed eventi, è salito su ring anche thailandesi per provare su sé stesso, e non sugli altri, capendo quale fosse la "via"…Passione supportata da onore, rispetto, parola data, dall'essere uomini e donne fino alla fine, dal lottare per un principio, dal sangue dato ed il dolore fisico provato, il lavoro fatto, l'anzianità ed il grado proporzionale ad essa.......Beh, fino ad allora tutto rimarrà ciò che è ora, una giungla di persone che si sfoga sui social oppure che segue dei guru che mentendo a loro stessi prendono in giro gli altri. Ma allora, siamo alle solite direte voi? Polemiche, voci, marketing.....il più bravo, il più forte, il vero Maestro, la vera Muay Thai?!? Ciò che ai più sfugge, e credo deliberatamente, è che noi parliamo solo per quello che facciamo e speriamo sempre nella gente, in tutti quelli che non pensano ci sia una fine “del conoscere” anzi, tutti quelli che vogliono migliorarsi, andare oltre ciò che viene comunemente commercializzato, formarsi oppure semplicemente informarsi.

    Quello che dico sempre è: "chi non fa parte della storia pretende di dettare il futuro". Questo è ciò che ad oggi offre il panorama italiano e mi piacerebbe sinceramente cambiare la seconda parte della frase in: "potrebbe scrivere il futuro".

    Vedete, per gli anziani del settore sarebbe troppo facile sparlare su tutti, del resto siamo testimoni del passato e del tempo e sappiamo veramente tutto su ciò che è stato perchè noi stessi abbiamo scritto questa storia che non potrà mai essere cancellata non solo perché è scritta ma anche perché da essa sono discesi tutti quegli atleti che hanno creduto in noi e che ora sono nelle condizioni in cui eravamo noi stessi 30 anni fa….bravi atleti, ottimi istruttori e sicuramente futuri ottimi Maestri. Ne siamo certi, perchè ad ora hanno creduto in tutto quello fatto, hanno rispettato il lavoro fatto e si mettono in gioco quotidianamente senza paura, se devono sostenere test sulla propria competenza o di aggiornamento, lo fanno e basta, accettandone l’esito, perchè sanno che è importante. Non basta un pezzo di carta, magari richiesto e rilasciato da quell’ente “amico” o federazione, che riporta la dicitura Maestro senza possedere neppure il requisito etico della parola stessa.

    Ed allora rieccoci al punto di partenza e al resoconto: il nostro progetto è partito nel 1991 e da allora non si è più fermato anzi, ogni mese prende vigore e segue più che una Via. Abbiamo veramente molto lavoro da fare e progetti che stanno partendo che copriranno anche aspetti socio-culturale ma che soprattutto daranno ancora una volta lustro a quell’Italia della Muay Thai che non si è fossilizzata su stereotipi che non hanno più senso!

    Tutto sommato la stagione che sta andando a chiudersi ha portato nuova linfa e molto interesse anche da parte di persone che non ti saresti aspettato, nonché un rinnovamento non solo della squadra di Muay Boran rendendola ancora più competitiva con quella Thai ma anche del team agonistico di Muay Thai…un piccolo prezzo che siamo disposti a pagare!

    Noi non siamo qua a dirvi chi è il più bravo, il più forte, il più competente, il vero Maestro…noi siamo qua a dirvi di informarvi, provare, confrontarvi e poi decidere....Anche con i nostri atleti facciamo cosi, prima gli diciamo di provare anche altre palestre, poi di venire a trovarci e decidere, ma non finisce qua perchè un buon venditore può ingannare chiunque, noi portiamo in Thailandia i nostri atleti, dai nostri Maestri, i boss della Muay Thai, perchè quello è il “nostro” banco di prova, perchè solo in un certo contesto possono verificare se quello che noi insegniamo loro è Muay Thai, oppure due calci ed un pugno.

    Io e tutti quelli come me andiamo avanti, sempre a testa alta onestamente, come abbiamo sempre fatto e ci spiace se a qualcuno non abbiamo riconosciuto un grado (magari solo per amicizia), non abbiamo mercificato diplomi, oppure non abbiano "donato" qualche carica federale....è vero in Italia funziona così, ma noi non lo facciamo quindi sentitevi giustificati ad insultarci, denigrarci, pubblicare i vostri video in internet....Noi non siamo così, la Muay Thai non è così e spero molte altre persone siano come noi, del resto basta poco, basta essere onesti e dire sempre la verità anche a costo di perdere una carica federale oppure un'atleta.

     

    Letto 5827 volte Ultima modifica il Giovedì, 23 Aprile 2015 15:32
    © 2024 Federazione Italiana Muay Thai. All Rights Reserved. - CREDITS -