RE E REGINA

La Thailandia è nota anche come Siam, che è stato il nome ufficiale della nazione fino al 24 giugno 1939. Il nome Siam è stato in seguito utilizzato dal 1945 fino al 11 maggio 1949, data della definitiva assunzione dell'attuale denominazione. Capitale è Bangkok, Krung Thep, che significa "città degli angeli".

Il ceppo Thai, popolazione sinotibetana, creò il suo regno nel 1298 a Sukothai, dove oggi possiamo vedere i resti di quel meraviglioso periodo. Nel 1350 venne fondato il Regno di Ayutthaya che nel 1431 saccheggiò Angkor, capitale dell'Impero Khmer, e nel 1438 annesse il regno di Sukothai. In questo periodo, il Buddhismo divenne il credo predominante.
Nel 1787, Pya Chakri si proclamò re del regno con il nome di Rama I. Questa dinastia esiste ancora: infatti oggi il re è Rama IX. Rama I promosse la riorganizzazione dello Stato e la rinascita della cultura Thai. Strano è che tutti gli stati attorno a sè, come la Birmania (Myanmar), il Laos, la Cambogia, la Malaysia, furono influenzati dalla colonizzazione europea a differenza della Thailandia.

Thailandia Prathet Thai, nota anche come "terra dei liberi", attraverso i suoi 800 anni di storia può vantarsi di essere l'unico Paese del sud est asiatico a non essere mai stata una colonia.
Il Re di Thailandia (พระมหากษัตริย์ไทย} è il capo di stato della nazione ed il capo della Dinastia dei Chakri. L'attuale monarca è Bhumibol Adulyadej, noto anche con il nome reale di Rama IX, salito al trono il 9 giugno 1946.
Nato a Cambridge, Massachusetts, negli Stati Uniti d'America, il 5 dicembre 1927, Sua Maestà Bhumibol Adulyadej ha una sorella più grande, Sua Altezza Reale Principessa Galayani Vadhana di Naradhivas, ed un fratello maggiore, il defunto re Ananda Mahidol (Rama VIII). La cerimonia di incoronazione di Bhumibol Adulyadej avvenne qualche anno dopo il suo insediamento, nel 1950, una volta che Sua Maestà aveva portato a termine i suoi studi in Svizzera, luogo in cui incontrò l’aristocratica Rajawongse Sirikit Kitiyakara, che poi divenne Sua Maestà la Regina Sirikit.

 

E’ durante il suo regno che il Siam è diventato la Thailandia, in un periodo ancora di instabilità in seguito al passaggio dalla monarchia assoluta alla monarchia costituzionale avvenuto nel 1932. Tra tutti gli attuali re e capi di stato nel mondo Rama IX è quello in carica da più tempo. Questo Sovrano, che gode di un notevolissimo prestigio sia interno che internazionale, ha assicurato al paese una certa stabilità socio-economica anche nei momenti politici più turbolenti. La regalità tailandese è sempre stata vista come un pilastro per il popolo Thai. Dopo 60 anni, molti ricordano ancora il Giuramento di successione al trono Sua Maestà:
"We will reign with righteousness for the benefit and happiness of the Siamese people."

“Noi regneremo con giustizia per il bene e la felicità del popolo siamese ".
E ciò che il re ha detto, è stato fatto, e si continua a fare.

Sua Maestà la Regina Sirikit è nata il 12 agosto 1932.Il matrimonio reale tra sua Maestà il Re e la Regina si è svolto il 28 aprile 1950, e a Sua Maestà è stato conferito il titolo di Somdetch Phra Nang Chao Phra Sirikit Baromma Rajini, titolo ufficiale di Regina di Thailandia.
La Regina è completamente dedicata a Sua Maestà il Re. Supervisiona molti dei progetti del Re così come introdurre propri programmi a favore del popolo thailandese in particolare nelle aree rurali attraverso il suo fondo di sostegno. La promozione di seta thailandese da parte di Sua Maestà è stato particolarmente importante, e da allora è diventata famosa in tutto il mondo.

Come sopra riportato, fino al 1932 il sistema di governo era la monarchia assoluta e il sovrano aveva pieni poteri nel suo regno e sui suoi sudditi. In seguito alla rivoluzione siamese del 1932 il re fu costretto ad accettare il passaggio alla monarchia costituzionale, in cui il potere del Re è limitato al ruolo di figura guida e simbolo della nazione. Il popolo thailandese ha una grandissima venerazione per il suo re e gli riconosce tale ruolo. In Thailandia l'amore per il sovrano è tale che il reato di lesa maestà viene considerato gravissimo e punito duramente. Ogni costituzione promulgata dopo il 1932 tra le altre cose recita che il re: deve essere lasciato sul trono reale ed essere oggetto di riverente adorazione e non potrá essere oltraggiato.

Con l'entrata in vigore della costituzione gran parte dei poteri dello stato, tra cui quello legislativo, passarono dalle sue mani a quelle del parlamento, che tuttora viene eletto dalla popolazione in elezioni democratiche. Al Re rimangono alcuni poteri tra cui i più significativi sono quello di approvare e promulgare le leggi emanate dal parlamento e quello del perdono giudiziario. Il Re è inoltre il capo delle forze armate reali ed il difensore della fede Buddhista (religione di stato in Thailandia).

L' attuale costituzione è entrata in vigore nel 2007, pochi mesi dopo il colpo di stato che ha rovesciato il governo di Thaksin Shinawatra.
Il Re è assistito nei suoi doveri, nel suo lavoro e nei suoi rapporti col primo ministro dall' ufficio del segretario privato di Sua Maestá, da un consiglio privato e dall' ufficio della famiglia reale. La nomina dei membri di questi tre enti è di esclusiva competenza del sovrano. L' ufficio della famiglia reale (in lingua thai สำนักพระราชวัง sam nak phra rachuang) è un'agenzia di proprietá della casa reale e sovrintende alle responsabilitá amministrative e cerimoniali, nonché alle largizioni filantropiche dei regnanti. Si occupa inoltre della gestione del Grande Palazzo Reale e degli altri palazzi reali Vimanmek e Bang Pa-In.

L' immenso patrimonio reale è gestito dall' ufficio delle proprietà della corona. I membri al vertice di questa agenzia sono sei: il presidente è il ministro delle finanze, mentre il direttore generale e gli altri quattro direttori sono nominati dal re.
La legge di successione prevede la primogenitura maschile. Alla morte di un sovrano il trono spetta al primogenito maschio, in caso di rinuncia si passa al secondogenito maschio e così via. Non è permesso alle donne salire al trono se non in assenza di un erede maschio o nel caso in cui l'erede maschio rinunci. Gli emendamenti presenti nelle ultime costituzioni lasciano però intravedere la possibilità che il re imponga la scelta di un successore femmina. Il 28 dicembre1972 il Re Rama IX ha nominato suo erede al trono il primogenito figlio, il principe Vajiralongkorn.

 

DSC 0072 DSC 0073

 

La residenza ufficiale del re è detta Grande Palazzo Reale e si trova nella capitale Bangkok. L'attuale sovrano tuttavia vive per la maggior parte del tempo nel Palazzo Chitralada (a Bangkok) oppure nella Villa Klai Kangwon a Hua Hin.
Sawadee

  • Tweets