News/Blog
Eventi

Eventi (3)

Venerdì, 30 Settembre 2016 16:34

Muay Thai 2016: la svolta

Scritto da

Siamo pronti e finalmente il progetto di una Muay Thai vera, originale, marziale, a cui non manca nulla e certificata al 100% si appresta a partire!

Di cosa stiamo parlando? Dopo anni di preparazione, collaborazioni ed incontri per far capire il progetto, con la recente convention di settembre a Milano della BTF (Born to Fight) è stato presentato il futuro della Muay Thai a livello nazionale e mondiale!

Tu che fai Muay Thai sai di cosa stiamo parlando? Tu che sei istruttore, magari Maestro sai veramente cos'è la Muay Thai e che requisiti bisogna veramente avere per poterla insegnare, oltre che praticare?

Abbiamo scritto chilometri di parole e ripeterle significa che il messaggio è arrivato ma non recepito del tutto ed allora chiedo: Tu che pratichi ed insegni lo sai che la Muay Thai rappresenta un Popolo, una Nazione? Sei fermamente convinto che un pugno, un calcio, una gomitata magari un clinch che sembra un ballo lento rappresenti i Thailandesi?

“Muay Thai full rules /K1” che rappresentano un popolo? Dai, non scherziamo e non prendiamo in giro questa Nazione che ci ha veramente dato tanto. La Muay Thai è un’Arte Marziale complessa ed antichissima e la parte sportiva una sintesi della parte ancestrale da cui si sviluppano le tecniche di combattimento. Punto.

Ora chiedo l’attenzione di tutti, anche di quelli che “ci odiano”, perché stiamo reindirizzando la storia sulla giusta via, controvertendo quel messaggio sbagliato che ad ora ha portato ad un'involuzione di questa nobile arte!

In seno alle più grandi organizzazioni nazionali ed internazionali, a chi sovraintende la Muay Thai in Thailandia e alla più grande realtà, sempre su suolo siamese, abbiamo fondato in Italia questo Istituto di alta formazione pari a quello universitario thailandese proprio per riorganizzare, formare, parificare e certificare legalmente tutti anche a livello internazionale, nessuno escluso!

Quindi se conosci solo una piccola parte sportiva puoi comunque riprendere in mano la tua passione e recuperare ciò che non ti hanno insegnato o che non hai avuto modo di imparare, per poter rappresentare in modo degno e con orgoglio la Thailandia. Un programma formativo che può essere seguito in Italia e, per chi volesse in Thailandia, dove abbiamo possibilità di fare lo stesso percorso.

A chi può avere dei dubbi o delle resistenze, consigliamo di partecipare a tutti i nostri circuiti agonistici nazionali, europei ed in Thailandia! e alle MasterClass.

Se pratichi Muay Thai non puoi perseguire la vecchia politica italiana da lottatore ibrido di “Muay Thai full rules /K1” (che nella realtà non è né l’una né l’altra)...Mettiti in gioco e scegli la cosa giusta!

Per informazioni: elenabrivio@hotmail.com

Mercoledì, 15 Aprile 2015 12:39

Stage estivo Tiger Boxing Camp - FIMT1991

Scritto da

Tutto pronto per la 18esima edizione dello Stage della Tiger Boxing Camp all'Isola d'Elba.

Partenza il 29 maggio - rientro il 2 giugno.

Dal 1996 si rinnova continuamente la tradizione di questo evento che grande ha fatto la nostra squadra. Tre giorni di stage e preparazione in pieno contatto con la natura. Muay Thai sì ma solo e sempre nell'inconfondibile stile FIMT. Senza sudore e fatica nessun risultato degno di questo nome è possibile, per cui ci si mette sempre in gioco. Aspettatevi una bella esperienza e comunque mare! Perchè anche fuori dalla palestra la preparazione agonistica del M° Bramini è sempre una sorpresa.

Chi ha avuto la fortuna di apprendere nei suoi stage l'essenza della Muay Thai ancora se ne ricorda. Dal 1994 questo piacere però non è per tutti, data la scelta di farne un unico ritiro esclusivo a numero chiuso.

Per rievocare un po' di Storia della Muay Thai e di ciò che rappresenta questo esclusivo stage, ecco una foto storica della Tiger Boxing Camp (FIMT) datata 1998 con gli atleti di punta fra cui si ricorda Stefano Stradella atleta che iniziò la sua carriera di fighter con M° Bramini nel 1991 e con il quale ha vinto numerosi titoli fra cui 3 mondiali, risultato ancora ineguagliato sia da parte di un atleta che da parte di un Maestro soprattutto se considerati i Tempi in cui questi risultati furono conseguiti!

Ciconte, Pantaleo S. ora ex pugili professionisti ed un Donnini ora Istruttore presso la Invictus Milano completano questo quartetto: tutti atleti di punta di una storia, quella della FIMT e del suo Presidente e Maestro. La filosofia non è mai cambiata, ed ieri come ora la Muay Thai rimane la missione di questa scuola, sia che si parli di agonismo che di didattica.

La Tiger boxing Camp e la FIMT hanno lasciato immagini che parlano da sole e se questi ragazzi sono stati atleti di punta di allora, la squadra del 2012 ne porta avanti le tradizioni senza deludere mai. Merito di questi ragazzi è mettersi in gioco sempre.

Questa storia, iniziata nel lontano 1991, si rinnova continuamente. Il futuro è nostro!

Martedì, 17 Marzo 2015 16:30

Special Olympics

Scritto da

“Che io possa vincere ma se io non riuscissi, che io possa tentare con tutte le mie forze.” (XXVI Giochi Nazionali Special Olympics "Monza 2010")

Questo è stato il motto, lo slogan dei Giochi Nazionali per ragazzi diversamente abili organizzati da Special Olympics e tenutisi in alcuni comuni della Provincia di Monza e Brianza (tra cui Giussano) nella settimana dal 28 giugno al 4 luglio 2010.

Come associazione sportiva ci abbiamo tenuto ad esserci. Molte sono le difficoltà che questi ragazzi “Speciali” incontrano quotidianamente e forse troppo poche sono le occasioni per ricordarli, per dedicarsi a loro….hanno tanto da insegnare a tutti quanti.

La manifestazione a cui si è data vita è stata ricca di momenti agonostici entusiasmanti, in cui lo sport, le competizioni, le vittorie e le sconfitte sono state il cuore pulsante non solo degli atleti in esse impegnati, ma anche della schiera di volontari, dei tecnici e dello staff dei circuiti gare. Per noi è stata una grande emozione, ed un grande onore poter stare fianco a fianco con questi ragazzi, ammirare quanto impegno e dedizione mettono nel raggiungimento del loro obiettivo e soprattutto quanta determinazione sanno dimostrare di fronte ad ostacoli e difficoltà.

Siamo tornati da questa esperienza sicuramente arricchiti e sempre più convinti che non esistano sport impossibili…..sogno nel cassetto, che non lasceremo solo un sogno: organizzare un corso di Muay Thai adattata alla disabilità. La strada sappiamo che non è facile ma, memori del motto di Special….tenteremo con tutte le nostre forze!

 

  • Tweets